LA SIGNORINA ELSE AL TEATRO STUDIO MELATO

1546597858_la signorina else (guidone, damico) - foto luca manfrini

Dall’8 al 20 gennaio al Piccolo Teatro Studio Melato andrà in scena La signorina Else con Lucrezia Guidone e Martino D’Amico per la regia di Federico Tiezzi.

Arthur Schnitzler nato nel 1862 figlio di un laringoiatra molto in vista nella Vienna dell’epoca e medico a sua volta solo a trent’anni  abbandonò definitivamente la prassi medica scegliendo la carriera di scrittore.

Esponente di spicco di quel gruppo di autori che si è solito riunire con il nome di Giovane Vienna fu animato dalla precisa volontà di essere moderno e in quanto fu psicologo del profondo anche per formazione clinica concepì la letteratura come un processo di liberazione dalla nevrosi e dall’angoscia.

In ambito narrativo Schnitzler è stato un pioniere :egli lasciava che l’anima parlasse in prima persona , in quei monologhi in cui l’io senza maschera ,nudo ,si trovava a tu per tu con sé stesso senza possibilità di alibi o vie di scampo .

Scrisse :” la verità si troverebbe nel mezzo.Nient’affatto .Solo nella profondità” ,convinzione che riflette in numerose novelle ( così in area tedesca si definiscono i racconti di un evento inaudito e tuttavia plausibile che accade nella vita di una persona ) tra cui anche la Signorina Else datato 1923.

La critica tardò a riconoscere i meriti della produzione narrativa di questo autore e la sua opera non vene più tenuta n considerazione negli anni del dopoguerra.

In uno dei suoi aforismi riassunse la sua continua tensione verso l’autenticità:” perdere un’illusione significa arricchirsi di una verità. E tuttavia chi si lamenta di questa perdita non era neppure degno del suo acquisto”.

Else è un’appassionante fanciulla alle prese con i primi turbamenti sessuali e viene messa in difficoltà dai genitori che necessitano di una grossa somma di denaro.

E’ la madre stessa che con cinismo invita la figlia a vendersi per salvare la famiglia dalla bancarotta.

Tutto il testo vive delle reazioni di Else a questa richiesta.

L’autore viviseziona il corpo del testo e il corpo creativo dell’attore e tale dimensione !anatomica ” vede tutto lo spettacolo svolgersi in un piccolo “teatrino-obitorio” che richiama il seicentesco Teatro Anatomico dell’Ospedale del Ceppo di Pistoia dove lo spettacolo ha visto il suo debutto.

Prezzi da 26 a 33 euro.

Per informazioni e prenotazioni tel 02/42411889

Foto di scena di Luca Manfrini concesse dal Teatro

1546597858_la signorina else (guidone e coniglio) - foto luca manfrini[2318]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...